In questa pagina:

Anagrafe agricola del Piemonte - FAQ

Accedi al servizio

Il servizio è soggetto ad autenticazione tramite certificato digitale o SmartCard

FAQ

Si devono iscrivere all'anagrafe agricola del Piemonte tutti coloro che intendono avviare un procedimento in materia di agricoltura o sviluppo rurale, indipendentemente dalla natura giuridica o dall'attività svolta. In anagrafe sono pertanto iscritti:

  • aziende agricole,
  • aziende forestali,
  • aziende di pesca e acquicoltura
  • industrie alimentari e altre industrie manifatturiere,
  • imprese di commercio di alimenti e altre imprese commerciali,
  • aziende di ristorazione e alloggio,
  • privati cittadini,
  • enti pubblici,
  • onlus e altri soggetti.

L'iscrizione in anagrafe precede la presentazione delle pratiche.
I dati presenti in anagrafe vengono utilizzati per precompilare le domande di aiuto o di autorizzazione.
L'iscrizione è permanente, fino alla cessazione dell'attività. Non è necessario ripetere l'iscrizione in caso di avvio di più procedimenti.
E' necessario invece tenere sempre aggiornati i dati registrati in anagrafe, segnalando eventuali variazioni agli uffici competenti.

In anagrafe sono registrate informazioni inerenti le aziende agricole e gli altri beneficiari di interventi in materia di agricoltura o sviluppo rurale.
In particolare:

  • informazioni relative alla natura giuridica, localizzazione e rappresentanza legale
  • dati relativi alle superfici coltivate, ai fabbricati, agli allevamenti, ai motori agricoli, ecc.,
  • titoli, diritti e quote di produzione,
  • sintesi delle pratiche presentate e delle erogazioni ricevute.

In anagrafe le informazioni di consistenza aziendale dichiarate dai beneficiari vengono controllate con i dati presenti nei registri pubblici, quali l'Anagrafe Tributaria, il Registro Imprese, il Catasto, ecc., o vengono verificati con la documentazione prodotta ed archiviata nel fascicolo aziendale (es. contratti d'affitto, ecc.), costituito ai sensi del DPR n.503/99 e della LR n.14/06 art.28. Le informazioni, relative ad autorizzazioni o ai procedimenti amministrativi in corso o conclusi, sono tratte dal sistema on-line di gestione delle pratiche e pertanto sono certificate.

Le principali banche dati utilizzate in anagrafe per la verifica dei dati delle aziende e consultabili in tempo reale con servizi di cooperazione applicativa sono:

  • Anagrafe tributaria;
  • Registro Imprese;
  • Banca Dati Nazionale Zootecnica (BDN);
  • Catasto terreni e ortofoto carte;
  • registri nazionali dell’Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura (quote latte, titoli di produzione).

Per essere iscritta in Anagrafe un’azienda agricola deve costituire il proprio Fascicolo aziendale presso uno dei Centri di Assistenza in Agricoltura (CAA), a cui il titolare/legale rappresentante deve conferire formale mandato a operare. Il CAA provvede a iscrivere l’azienda in Anagrafe, a registrarne i dati e a stampare la Dichiarazione di consistenza aziendale che deve essere sottoscritta dal beneficiario, come dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà ai sensi del DPR n. 445/00 e deve essere archiviata unitamente alla copia di un documento d’identità in corso di validità.
L’iscrizione in anagrafe è valida fino a esplicita richiesta di cessazione da parte della stessa o fino a che l’azienda risulti non essere più in attività, sulla base dei riscontri effettuati su banche dati gestite da Enti certificatori (Registro Imprese o Anagrafe Tributaria).

I soggetti diversi dalle aziende agricole possono chiedere l’iscrizione on-line. Il servizio si avvia entrando in anagrafe con la login e la password, acquisita mediante registrazione al portale www.sistemapiemonte.it. Se il soggetto non è ancora presente in anagrafe, il sistema propone un percorso guidato per la predisposizione della richiesta d’iscrizione. La richiesta viene sottoscritta con firma elettronica semplice e viene inviata telematicamente. Non è necessario mandare copia cu carta della richiesta fatta.
In alternativa occorre compilare i moduli scaricabili nella sezione “modulistica” del sito istituzionale della Regione Piemonte ed inviarli alla Direzione Agricoltura della Regione Piemonte o agli gli Uffici Agricoltura delle Province per la costituzione del Fascicolo aziendale e la registrazione in anagrafe. I moduli sono predisposti in forma di dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, ai sensi del DPR 445/2000, e devono essere sempre accompagnati da una fotocopia leggibile di un documento d’identità valido.
L'avvenuta iscrizione e validazione dei dati viene comunicata attraverso l'indirizzo di PEC o di posta elettronica indicato nella richiesta di iscrizione e registrato a sistema.
L’iscrizione in anagrafe è valida fino a esplicita richiesta di cessazione da parte della stessa o fino a che l’azienda risulti essere non più attiva sulla base dei riscontri effettuati su banche dati gestite da Enti certificatori (ad esempio l’Anagrafe tributaria).

E’ compito dei beneficiari mantenere aggiornata la propria posizione in anagrafe agricola.
I titolari o legali rappresentante delle aziende agricole devono rivolgersi al CAA al quale hanno conferito il mandato di assistenza, presso i cui uffici è depositato il fascicolo aziendale, ai sensi del DPR n. 503/99, e chiedere l’aggiornamento dei dati, ogni volta che si verifica una variazione rilevante ai fini delle pratiche in corso. Sono considerate variazioni rilevanti i cambiamenti di natura giuridica e dei riferimenti anagrafici, le variazioni del piano colturale o della consistenza media di stalla.
I soggetti diversi dalle aziende agricole che non hanno depositato il fascicolo presso un CAA, possono chiedere l’aggiornamento dei dati in anagrafe alla Direzione Agricoltura della Regione Piemonte o agli gli Uffici Agricoltura delle Province. A tal fine occorre compilare i moduli di variazione dati scaricabili nella sezione “modulistica” del sito istituzionale della Regione Piemonte, Area tematica Agricoltura. I moduli sono predisposti in forma di dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, ai sensi del DPR 445/2000, e devono essere sempre accompagnati da una fotocopia leggibile di un documento d’identità valido.
L'avvenuto aggiornamento viene comunicato attraverso la PEC o l'indirizzo di posta elettronica registrato in anagrafe.

La cessazione di una posizione in Anagrafe agricola del Piemonte, può essere richiesta dal beneficiario o da un suo erede.
I titolari o legali rappresentanti delle aziende agricole devono rivolgersi al CAA al quale hanno conferito il mandato di assistenza, presso i cui uffici è depositato il fascicolo aziendale, ai sensi del DPR n. 503/99, e chiedere la cessazione della posizione.
I soggetti diversi dalle aziende agricole che non hanno depositato il fascicolo presso un CAA, possono chiedere l’aggiornamento dei dati in anagrafe alla Direzione Agricoltura della Regione Piemonte o agli gli Uffici Agricoltura delle Province. A tal fine occorre compilare i moduli di cessazione azienda, scaricabili nella sezione “modulistica” del sito istituzionale della Regione Piemonte, Area tematica Agricoltura. I moduli sono predisposti in forma di dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, ai sensi del DPR 445/2000, e devono essere sempre accompagnati da una fotocopia leggibile di un documento d’identità valido.
I soggetti cessati in anagrafe non possono più presentare domande di aiuto, né detenere una a ditta UMA. Una posizione può essere cessata d’ufficio, qualora l’azienda risulti non essere più in attività, sulla base dei riscontri effettuati su Registro Imprese o Anagrafe Tributaria o il privato cittadino risulti deceduto.

Possono accedere all'anagrafe agricola del Piemonte:

  • i titolari/rappresentanti legali delle aziende agricole, per richiedere on-line l’iscrizione all’anagrafe, verificare i dati registrati e lo stato di avanzamento delle pratiche,
  • gli operatori o i funzionari delegati dal titolare o dal legale rappresentante ad operare in nome e per conto dell’azienda o dell’ente.
  • i privati, gli enti e gli altri beneficiari degli interventi in materia di agricoltura o sviluppo rurale, per richiedere l’iscrizione all’anagrafe, verificare i dati registrati e lo stato di avanzamento delle pratiche,
  • gli operatori dei CAA (centri autorizzati di assistenza in agricoltura) che aggiornano il fascicolo aziendale e la posizione anagrafica per le aziende agricole hanno conferito loro il mandato di assistenza
  • i funzionari della Regione Piemonte e delle Province che aggiornano il fascicolo aziendale e la posizione anagrafica per i beneficiari che non si rivolgono ai CAA (Enti, Pubbliche, Amministrazioni, imprese commerciali e artigiane, privati cittadini …) e utilizzano i dati registrati nell'ambito delle proprie funzioni istituzionali,
  • i funzionari delle altre Pubbliche Amministrazioni che possono consultare i dati registrati in anagrafe nell’ambito delle proprie funzioni istituzionali,
  • i funzionari di ARPEA (agenzia regionale per le erogazioni di aiuti), che consultano i dati registrati in anagrafe nell’ambito delle proprie funzioni istituzionali,
  • i tecnici e funzionari degli Organismi di controllo di settore, con funzioni di supervisione e controllo
  • i tecnici e funzionari degli altri Enti Pubblici, nell’ambito delle attività istituzionali di competenza, e delle Agenzie competenti per il controllo della regolarità delle procedure di erogazione dei contributi

AGEA consulta le informazioni direttamente sul proprio portale www.sian.it, in cui vengono riversati quotidianamente i dati, attraverso funzioni di cooperazione applicativa tra sistemi informatici.

Per accedere al l'anagrafe agricola del Piemonte e consultare i dati personali o della propria azienda o ente occorre utilizzare la carta nazionale dei servizi. In alternativa è necessario acquisire la login e la password, mediante registrazione sul portale www.sistemapiemonte.it. In linea generale solo il titolare o il legale rappresentante può accedere alle informazioni della propria impresa o dell'ente rappresentato. In caso di variazione del legale rappresentante è necessario acquisire nuove credenziali.

Il legale rappresentante può delegare un proprio dipendente ad operare sui servizi SIAP, chiedendo l’iscrizione in anagrafe di un nuovo soggetto collegato all’azienda, con il profilo di “operatore delegato” o di “funzionario delegato”. A tal fine occorre compilare l’apposito modulo di inserimento di soggetto collegato (mod.I.6), scaricabile nella sezione “modulistica” del sito istituzionale della Regione Piemonte, Area tematica Agricoltura. I moduli sono predisposti in forma di dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, ai sensi del DPR 445/2000, e devono essere sempre accompagnati da una fotocopia leggibile di un documento d’identità valido.
Una volta registrato in anagrafe, il dipendente potrà accedere ai dai dell’azienda con la propria login e password, acquisita mediante registrazione al portale www.sistemapiemonte.it.
In caso di cessazione del rapporto di delega, il legale rappresentante dovrà esplicitamente chiedere la cancellazione del soggetto dall’anagrafe, compilando il mod.I.7 pubblicato nella medesima sezione del sito istituzionale.

I CAA sono accreditati al SIAP dalla Regione Piemonte. La richiesta di accredito viene fatta compilando i moduli pubblicati sul sito istituzionale della Regione Piemonte (inserire il link). Per ogni CAA accreditato viene nominato un responsabile esterno al trattamento dati del SIAP e un responsabile delle utenze, a cui è demandato il compito di gestire le abilitazioni del proprio ente.
Ogni nuovo operatore deve essere incaricato al trattamento dati dal proprio responsabile al trattamento dati e deve acquisire la login e la password, mediante registrazione sul portale www.sistemapiemonte.it. Copia della lettera d'incarico al trattamento dati deve essere inviata alla Regione Piemonte - Direzione Agricoltura, per la conferma dell'utenza.

Le Pubbliche amministrazioni e gli enti che svolgono una funzione pubblica sono accreditati al SIAP dalla Regione Piemonte. La richiesta di accredito viene fatta compilando i moduli pubblicati sul sito istituzionale della Regione Piemonte (inserire il link). Per ogni Ente accreditato viene nominato un responsabile esterno al trattamento dati del SIAP.
Ogni nuovo operatore deve essere incaricato al trattamento dati dal proprio responsabile al trattamento dati e deve acquisire la login e la password, mediante registrazione sul portale www.sistemapiemonte.it. Copia della lettera d'incarico al trattamento dati deve essere inviata alla Regione Piemonte - Direzione Agricoltura unitamente alla richiesta di attivazione della nuova utenza, con indicazione dei servizi richiesti.

I titolari o il legali rappresentanti delle aziende agricole o gli altri beneficiari degli interventi in materia di agricoltura o sviluppo rurale possono controllare in ogni momento, on-line le informazioni personali o relative alle proprie imprese o enti, registrate all’anagrafe agricola del Piemonte.
A tal fine occorre accedere al servizio Anagrafe agricola con la login e la password, impostate mediante registrazione del titolare o del legale rappresentante al portale www.sistemapiemonte.it o con la CNS (carta nazionale dei servizi).
Se la posizione in anagrafe è già attiva il sistema presenta un menù che consente la navigazione attraverso le diverse sezioni:

  • dati anagrafici e di contesto,
  • riepilogo delle superfici coltivate, da cui si può accedere all’elenco delle particelle catastali oggetto di specifica coltivazione e alle ortofoto,
  • unità vitate, con il dettaglio delle caratteristiche dell’impianto e della vocazione produttiva,
  • fabbricati,
  • allevamenti, con il dettaglio della consistenza media, suddivisa per categoria,
  • manodopera aziendale,
  • motori agricoli, registrati all’ufficio UMA (utenti motori agricoli)
  • diritti di produzione,
  • conto corrente bancario, su cui viene disposto l’eventuale pagamento degli aiuti,
  • le pratiche avviate, con indicazione dello stato avanzamento e le erogazioni corrisposte.

Attraverso il servizio on-line è possibile stampare le dichiarazioni di consistenza aziendale sottoscritte nel tempo.

Torna su