In questa pagina:

Rilevamento dati di produzione dei rifiuti urbani

Accedi al servizio

Il servizio, ottimizzato per Internet Explorer, è soggetto ad autenticazione tramite certificato digitale.

Utenti del servizio

Il servizio si rivolge agli operatori della Pubblica Amministrazione:

  • Regione Piemonte – Direzione Ambiente;
  • Province;
  • Consorzi di comuni per la gestione della raccolta rifiuti

Presentazione

Attraverso il servizio i Consorzi comunicano, con periodicità annuale, i quantitativi di rifiuti raccolti in ogni Comune, i dati relativi ai costi del sistema integrato. La Regione e le Province possono scaricare e consultare in tempo reale tali dati anche al fine di monitorare il raggiungimento degli obiettivi previsti dalla legislazione vigente.

In particolare per quanto riguarda la raccolta differenziata in ogni Ambito Territoriale Ottimale devono essere raggiunti i seguenti livelli di raccolta (D.Lgs. 152/06)

  • almeno il 35% entro il 31 dicembre 2006;
  • almeno il 45% entro il 31 dicembre 2008;
  • almeno il 65% entro il 31 dicembre 2012;

In attesa di un metodo omogeneo di calcolo di raccolta differenziata a livello nazionale, la Giunta Regionale inoltre, con proprio atto deliberativo numero 43-435 del 10 luglio 2000, ha approvato un metodo normalizzato per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata.Con successiva deliberazione numero 17-2876 del 2 maggio 2001 è stato individuato un protocollo per l'acquisizione e la trasmissione dei dati nonché una nuova scheda di rilevamento successivamente adeguata alla nuova codifica dei rifiuti con la deliberazione 48-11386 del 23 dicembre 2003.

Torna su