In questa pagina:

Attività soggette a normativa Seveso - Aree di Danno e Territorio

Accedi al servizio

Il servizio è soggetto ad autenticazione tramite certificato digitale.

Utenti del servizio

Il servizio si rivolge al personale di Regione Piemonte, ARPA Piemonte, Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, Prefetture, Province e Comuni piemontesi.

Presentazione

Il servizio consente di localizzare le aziende, inserite nel SIAR, soggette agli obblighi di cui al D.Lgs. 334/1999 così come modificato dal D. Lgs. 238/2005 tramite la rappresentazione cartografica delle informazioni gestite nel sistema. Il sistema consente altresì la consultazione e l’inserimento delle informazioni relative al contesto territoriale ed ambientale interessato dalla presenza di tali impianti. Al fine di determinare il potenziale impatto ambientale di un evento incidentale, il servizio permette la possibilità di rappresentare le aree di danno che potrebbero prodursi in caso di incidente presso uno stabilimento e la vulnerabilità del territorio circostante (mediamente nell'intorno di 1 km di raggio dai confini dello stabilimento). Ciò avviene attraverso la rappresentazione su Carta Tecnica Regionale (CTR) e/o su ortofoto sia degli scenari incidentali sia degli elementi territoriali e ambientali vulnerabili, definiti dal DM 9 maggio 2001 ("Requisiti minimi di sicurezza in materia di pianificazione urbanistica e territoriale per le zone interessate da stabilimenti a rischio di incidente rilevante").

Le aree di danno considerate sono quelle relative ai singoli scenari incidentali presentati dal gestore di impianto e verificati dalle autorità competenti; è inoltre riportato l'inviluppo di tutti gli scenari di uno stabilimento, per la definizione della compatibilità territoriale ai sensi del DM 09/05/2001. Gli elementi territoriali vulnerabili sono suddivisi secondo le categorie di vulnerabilità definite dal DM 9 maggio 2001. Questi elementi, denominati nel servizio ricettori sensibili, possono essere implementati, aggiornati e ulteriormente caratterizzati attraverso una funzionalità di editing. Le informazioni contenute nel servizio risultano di particolare interesse per le Amministrazioni locali, Province e Comuni, ai fini della redazione dei Piani di Emergenza Esterni, della stesura dell’Elaborato Tecnico RIR, allegato al PRGC, e dell’aggiornamento e integrazione dei Piani Provinciali di Coordinamento Territoriale.

Torna su