In questa pagina:

La nuova legge (L.R. n. 14 del 14 ottobre 2014), tra le altre disposizioni, prevede l’utilizzo di strumenti informatici per l’esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi da parte dell’interessato e  al fine di promuovere il contenimento della spesa...

La nuova legge, tra le altre disposizioni, prevede l’utilizzo di strumenti informatici per l’esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi da parte dell’interessato e  al fine di promuovere il contenimento della spesa, che  la Regione entro trenta giorni dall'approvazione della legge stessa,  nell'ambito della
vigente normativa nazionale, promuova la completa digitalizzazione degli atti utilizzando gli strumenti tecnologici opportuni per consentirne l'adeguata conoscenza.

Nello specifico la Regione dovrebbe promuovere:
 

  • a) l'estensione dell'utilizzo della firma elettronica digitale da parte dei responsabili del procedimento e dei funzionari responsabili di atti a rilevanza esterna;
  • b) il passaggio dalla modalità cartacea di presentazione di istanze e dichiarazioni alla modalità in formato digitale di trasmissione per via telematica;
  • c) la modalità di effettuare pagamenti di tasse o imposte regionali attraverso strumenti digitali senza oneri aggiuntivi;
  • d) la possibilità di presentare attraverso strumenti digitali la documentazione propedeutica al rilascio di concessioni, autorizzazioni, licenze, permessi ed altri atti rilasciati dall'amministrazione regionale.


A tal fine, la Regione garantisce la gestione telematica dello Sportello unico per le attività produttive , attraverso un portale che fornisce informazioni e servizi alle imprese ed agli enti locali. Il portale contiene una banca dati regionale relativa ai procedimenti di competenza dello Sportello unico, liberamente consultabile e consente la gestione telematica delle segnalazioni e delle istanze ai sensi del d.p.r. 160/2010.

Per saperne di più:
http://www.regione.piemonte.it/governo/bollettino/abbonati/2014/42/attach/l201414_sempl.pdf