In questa pagina:

Richiedi le tue credenziali SPID il Sistema Pubblico di Connettività che ti permette di accedere a Sistema Piemonte e a tutti i servizi della Pubblica Amministrazione Nazionale e Locale
Approfondisci

Attenzione

A partire dal 18 aprile 2019 non sarà più possibile richiedere le credenziali Sistema Piemonte.
Regione Piemonte si è adeguata a SPID, Sistema Pubblico di Identità Digitale, la nuova soluzione nazionale che ti permette di accedere a tutti i servizi online della Regione e più in generale della Pubblica Amministrazione.
I nuovi utenti potranno richiedere la propria identità digitale attraverso il Sistema Pubblico di Identità Digitale nazionale.
Scopri come fare per richiedere il tuo SPID.
Anche in caso di smarrimento e/o dimenticanza delle credenziali Sistema Piemonte sarà necessario utilizzare le credenziali SPID.

Gestione Procedimento recupero debiti

Accedi al servizio

Il servizio è soggetto ad autenticazione tramite username e password o certificato digitale.

Accedi al servizio

Accesso con SPID

Utenti del servizio

Il servizio si rivolge a :

  • i CAA che possono presentare istanze di riesame a seguito di notifica di avvio di un procedimento amministrativo di recupero di contributi alle aziende che hanno conferito loro il mandato di assistenza;
  • i titolari/rappresentanti legali delle aziende agricole , che possono interloquire e presentare istanza di riesame in proprio al fine della definizione dei procedimenti amministrativi di recupero avviati dall'amministrazione competente;
  • ARPEA, competente in materia procedimento amministrativo di recupero a valere sulle domande di pagamento PSR e Domande uniche;
  • la Pubblica Amministrazione competente al controllo dei contributi erogati e alla azioni di recupero di contributi non dovuti.

Presentazione

Ai sensi dell'art. 54 del Reg. (UE) n.1306/2013 gli Stati membri (per il tramite degli Organismi Pagatori riconosciuti) devono chiedere al beneficiario la restituzione di qualsiasi pagamento indebito in seguito a irregolarità o a negligenza in relazione a contributi erogati a valere sul fondi FEAGA e FEASR.

Al fine di razionalizzare, semplificare e rendere compatibile con i principi sanciti dal decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82 così come modificato dal Decreto legislativo 26 agosto 2016 n. 179, la comunicazione, l'accesso ai dati, e la tutela dei diritti delle imprese agricole, in relazione ai procedimenti amministrativi di recupero di contributi indebitamente percepiti dalle stesse, sempre nel rispetto dei criteri di economicità, di efficacia, di imparzialità, di pubblicità e di trasparenza previste dalla legge 241/ 90 e s.m. e i. è stato realizzato il progetto informatico GPRD "Gestione Procedimenti Recupero Debiti".

Tale strumento informatico permette ai soggetti ai quali è stato notificato un procedimento di recupero per contributi illegittimamente ricevuti, di monitorare lo stato delle proprie pratiche e intraprendere le azioni necessarie a contestare e giustificare quanto attestato dall'amministrazione competente, facilitando lo scambio di informazioni e documenti comprovanti il diritto, attraverso lo strumento stesso, ed eliminando la necessità di ricorrere agli ordinari strumenti di trasmissione e contestazione.

Il progetto GPRD "Gestione Procedimenti Recupero Debiti" si rivolge alle strutture coinvolte nelle fasi del controllo ed in particolar modo si configura come uno strumento di lavoro finalizzato a standardizzare ed automatizzare il processo di gestione di recupero debiti a seguito di controlli ex post e allo stesso tempo si rivolge alle aziende agricole coinvolte in un processo di recupero, anche attraverso i propri CAA mandatari, di tutelare i propri diritti soggettivi e interessi legittimi in relazione ai procedimenti di interesse.

Attraverso il servizio è possibile seguire l’iter della pratica e compilare e inviare via web tutte le successive comunicazioni  tempi stabiliti dall'amministrazione in base a quanto previsto dalla legge 241/90 e s.m. e. i.

Torna su