In questa pagina:

Valutazioni e adempimenti ambientali

Accedi al servizio

Il servizio è soggetto ad autenticazione tramite certificato digitale

Per la compilazione installare Adobe Reader 9.4 o successiva

Rinnovo Autorizzazione di carattere generale per le emissioni in atmosfera da pulintintolavanderie.

E' stata rinnovata l'Autorizzazione di carattere generale per le emissioni in atmosfera provenienti da stabilimenti costituiti da uno o più impianti a ciclo chiuso di pulizia a secco di tessuti e di pellami (escluse le pellicce) e delle pulitintolavanderie a ciclo chiuso, con determinazione dirigenziale n. 564 del 21 dicembre 2015.

Le attività in esercizio, già autorizzate sulla base della d.d. 10 settembre 2004, n. 279, devono aderire alla nuova autorizzazione entro il 24 giugno 2016.

INVIO ISTANZE
Autorizzazione Unica Ambientale e Autorizzazione in Via Generale

Dopo aver compilato l'istanza verificare la modalità per la trasmissione della stessa:
se compare il messaggio:

non è necessario fare altre operazioni per l’invio e sarà disponibile e scaricabile la ricevuta d’invio. Il SUAP riceve l’istanza tramite PEC inviata dal sistema.

Se compare il messaggio:

l’istanza non viene inviata dal sistema ed è necessario trasmetterla al SUAP, insieme a tutti gli allegati, secondo le modalità definite dal SUAP stesso .

Istanze di AUA presentate dai Gestori dei servizi idrici integrati:in pendenza della modulistica specifica per la presentazione di istanze AUA per gli scarichi di acque reflue urbane, le domande saranno presentate con le modalità in uso antecedenti il Regolamento regionale D.P.G.R. 6 luglio 2015, n.5/R.

Utenti del servizio

Il servizio si rivolge a privati,  imprese e professionisti

 

Presentazione

La Regione Piemonte, in accordo con le Autorità competenti per le autorizzazioni ed il controllo in campo ambientale, al fine di integrare le informazioni relative ad uno stesso stabilimento/impianto/attività, soggetti a vario titolo a valutazioni e adempimenti ambientali, ha avviato la realizzazione di servizi digitali finalizzati a facilitare l’interazione di imprese e professionisti con la Pubblica Amministrazione.

Su questo Portale è messo a disposizione un processo guidato per la compilazione di istanze e/o comunicazioni on line.

ATTENZIONE: prima di accedere all'applicativo consultare la
guida alla configurazione della postazione di lavoro e del certificato digitale

 

 

Adempimenti ambientali


Le istanze relative ai procedimenti di VIA di competenza regionale devono essere presentate unicamente attraverso il servizio digitale, fatti salvi i casi di particolari difficoltà di ordine tecnico di cui all’articolo 23, comma 3, del d.lgs. 152/2006.Per informazioni ed  assistenza scrivere a assistenza.sira@regione.piemonte.it.. Per informazioni generali sui procedimenti di VIA consultare il sito di riferimento.


L’autorizzazione Unica Ambientale (D.P.R. 59/2013), prevede che le P.M.I. ed i gestori degli impianti non soggetti ad A.I.A. o alla procedura di VIA devono presentare la domanda di Autorizzazione Unica Ambientale ove intendano o debbano richiedere il rilascio, la modifica sostanziale o il rinnovo di almeno uno dei seguenti titoli abilitativi in materia ambientale (prima chiesti separatamente):

  • a) scarichi di acque reflue di cui al capo II del titolo IV della sezione II della Parte terza del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152;
  • b) utilizzazione agronomica degli effluenti di allevamento, delle acque di vegetazione dei frantoi oleari e delle acque reflue di cui all’articolo 112 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152;
  • c) emissioni in atmosfera per gli stabilimenti di cui all’articolo 269 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152; (Autorizzazione in via ordinaria);
  • d) emissioni in atmosfera per gli impianti e attività di cui all’articolo 272 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 (Autorizzazioni in Via Generale - AVG);
  • e) impatto acustico di cui alla legge 26 ottobre 1995, n. 447;
  • f) utilizzo dei fanghi derivanti dal processo di depurazione in agricoltura di cui all’articolo 9 del decreto legislativo 27 gennaio 1992, n. 99;
  • g) attività di smaltimento di rifiuti non pericolosi effettuate nel luogo di produzione dei rifiuti stessi di cui all’articolo 215 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152;
  • h) operazioni di recupero di rifiuti di cui all’articolo 216 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n.152.

Sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte (supplemento) numero 27 del 9 luglio 2015, è stato pubblicato il primo Regolamento regionale recante “Modello unico regionale per la richiesta di autorizzazione unica ambientale”, emanato con il Decreto del Presidente della Giunta Regionale 6 luglio 2015, n. 5/R.

Il provvedimento è stato adottato in attuazione dell’azione 5.7 dell’Agenda per la Semplificazione 2015-2017 e del decreto ministeriale 8 maggio 2015 “Adozione del modello semplificato e unificato per la richiesta di autorizzazione unica ambientale – AUA”, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 30 giugno scorso (Serie Generale n.149 del 30-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 35).
A decorrere dal 1 ottobre 2015 le domande per il rilascio dell’autorizzazione unica ambientale sono presentate e ricevute esclusivamente in via telematica con i contenuti del modello unico regionale.
In base al regolamento ciascun SUAP può optare per l’implementazione diretta di un proprio servizio di compilazione guidata, ovvero avvalersi del servizio digitale regionale reso disponibile sul portale regionale sistemapiemonte.

Ciascun SUAP dovrà fornire le relative istruzioni sul proprio portale indicando le modalità prescelte e indirizzando il richiedente ai rispettivi servizio telematici di presentazione delle istanze.
Pertanto il gestore che intende presentare una domanda di AUA deve accedere al sito del SUAP competente e seguire le indicazioni fornite dal medesimo.
Ove il SUAP non avesse provveduto ad allestire il proprio servizio per la presentazione dell’AUA o a garantire l’informazione necessaria, la domanda può essere presentata attraverso il servizio digitale regionale qui disponibile.
Per presentare l’istanza di Autorizzazione Unica Ambientale (AUA) attraverso il servizio regionale (si consiglia l’uso di Firefox Mozilla per il corretto funzionamento della funzione di salvataggio automatico del modulo AUA). procedere come segue:

  • accedere al sistema attivando il pulsante presente nel box “accedi al servizio” in alto a destra e cliccare sul pulsante “Accedi” nella sezione “Accesso tramite certificato digitale o carta elettronica”
  • compilare il modello per la parte generale e anagrafica, indicando i titoli abilitativi richiesti,
  • compilare i quadri tecnici dei titoli abilitativi richiesti,
  • allegare la documentazione tecnica prevista, firmata digitalmente,
  • firmare digitalmente l’istanza e, ai sensi del D.P.R.160/2010, trasmetterla insieme ai rispettivi allegati al SUAP territorialmente competente attraverso il sistema stesso ove il SUAP sia cooperante con il sistema stesso,
    oppure
  • scaricare l’istanza completata, firmarla digitalmente e, ai sensi del D.P.R.160/2010, trasmetterla insieme ai rispettivi allegati al SUAP territorialmente competente secondo le modalità previste da ciascuno di essi.

Informazioni in merito all'endo-procedimento AUA sono altresì disponibili presso la Base Dati della conoscenza regionale.


In relazione ai procedimenti autorizzativi per gli impianti e le attività che producono emissione in atmosfera (D.lgs 152/06 Art. 272) , l’istanza di autorizzazione alle emissioni in atmosfera, deve essere presentata dal gestore che intende installare uno stabilimento nuovo, apportare una modifica sostanziale ad uno stabilimento già autorizzato, o che deve richiedere il rinnovo dell’autorizzazione.

L’Autorità competente al rilascio dell'autorizzazione alle emissioni in atmosfera è la Provincia. Le Autorizzazioni per le emissioni in atmosfera rientrano anche nell’applicazione del D.P.R. 13/03/2013 n.59 recante “Disciplina dell’autorizzazione unica ambientale e semplificazione di adempimenti amministrativi in materia ambientale gravanti sulle piccole e medie imprese e sugli impianti non soggetti ad autorizzazione integrata ambientale”.

La modulistica è contenuta nei provvedimenti definiti dalla Regione Piemonte ai sensi dell’art. 272, comma 2 del D.lgs 152/2006.

Per presentare istanza di Autorizzazione alle Emissioni in Atmosfera (AVG), procedere come segue:

  • accedere al sistema attivando il pulsante presente nel box “accesso riservato” in alto a destra,
  • compilare il modello,
  • allegare la documentazione tecnica prevista,
  • firmare digitalmente l’istanza e, ai sensi del D.P.R.160/2010, trasmetterla insieme ai rispettivi allegati al SUAP territorialmente competente, secondo le modalità previste da ciascuno di essi.

Per ulteriori informazioni in merito all'endo-procedimento AVG è possibile consultare la scheda pubblicata sulla "Base della conoscenza regionale".

Torna su