In questa pagina:

Richiedi le tue credenziali SPID il Sistema Pubblico di Connettività che ti permette di accedere a Sistema Piemonte e a tutti i servizi della Pubblica Amministrazione Nazionale e Locale
Approfondisci

Gestione Deleghe

Accedi al servizio

Il servizio è soggetto ad autenticazione tramite:

  • credenziali SPID - Sistema Pubblico di Identità Digitale, o certificato digitale valido
  • credenziali imputabili Sistema Piemonte

Utenti del servizio

Il servizio si rivolge ai cittadini maggiorenni.

Per poter conferire una delega adulti occorre essere assistiti piemontesi; per poter ricevere una delega, invece, è possibile appartenere anche ad ASL di altre Regioni.

Nello scenario di “Dichiarazione congiunta di entrambi i genitori” sia i genitori sia il minore devono essere assistiti piemontesi.

Presentazione

Il servizio “Deleghe” è un servizio gratuito offerto da Regione Piemonte che consente di conferire on line una delega a operare su uno o più servizi per proprio conto.

Deleghe adulti

L’ assistito di un’ASL piemontese adulto può volontariamente delegare un altro soggetto adulto (anche non piemontese) ad operare a suo nome su uno dei servizi on line, nell’ambito dell’Ecosistema dei servizi della Sanità offerti dalla Regione Piemonte.

A seguito di autenticazione con le credenziali SPID, o certificato digitale valido, è sufficiente inserire i dati identificativi del soggetto che si intende delegare e selezionare i servizi sui quali si intende conferire delega e il relativo periodo di validità.

Anche il soggetto delegato potrà accedere solo a seguito di autenticazione.

Il servizio permette anche di modificare, revocare e consultare le deleghe già inserite.

La delega è consentita su tutti i servizi on line della Sanità piemontese che vi aderiranno. Il delegante deve indicare puntualmente i servizi su cui attivarla.

Durante la procedura on line saranno necessarie le credenziali di autenticazione.

Inoltre, al soggetto delegante saranno richiesti anche i seguenti dati:

  • dati anagrafici dei soggetti a cui si conferisce la delega;
  • servizi sui quali si intende conferire delega.

Deleghe Minori

La funzionalità "I miei figli minori" permette di certificare la propria responsabilità genitoriale (affidata ad entrambi genitori ai sensi dell'art. 316 del c.c., come sostituito dal D. Lgs. n. 154/2013) ed ottenere delega ed abilitazione ad accedere, per conto dei propri figli minorenni, ai servizi telematici disponibili nell'ambito dell'Ecosistema dei servizi della Sanità offerti dalla Regione Piemonte.
Alla responsabilità genitoriale sono sottoposti tutti i figli minori non emancipati, sia nati nel matrimonio sia nati fuori dal matrimonio. Ciò vale anche nel caso di figli adottivi, nel caso in cui i loro genitori adottivi – per effetto dell'adozione (legittimante) – acquistano a tutti gli effetti la responsabilità genitoriale.
La funzionalità telematica, ad oggi, attivata:

  • richiede l'istanza di un genitore maggiorenne e la dichiarazione di conferma da parte dell'altro genitore maggiorenne attraverso il sistema pubblico di identità digitale (SPID), o in alternativa con credenziali di Tessera Sanitaria con microchip TS-CNS (Tessera Sanitaria – Carta Nazionale dei Servizi) o qualsiasi Carta Nazionale Servizi;
  • permette anche di revocare e consultare le deleghe già inserite. La revoca disabilita la delega per entrambi i genitori collegati al minore, che non potranno più operare per conto del loro figlio;
  • si disattiva automaticamente al compimento dei 18 anni del figlio, che potrà sempre visualizzare lo storico delle proprie deleghe.

Al momento il servizio non abilita le funzionalità di delega su dichiarazione fatta da un solo genitore, che non riceve la conferma telematica del secondo genitore. Tale modalità sarà gestita, insieme ad altre, in un successivo rilascio.
La delega è attiva contemporaneamente su tutti i servizi on line della Sanità piemontese che vi aderiranno.
Durante la procedura on line saranno richiesti i seguenti dati:

  • dati anagrafici del secondo genitore;
  • dati anagrafici del figlio o dei figli minori.

Il servizio è finanziato con risorse POR FESR.

Torna su