Dettaglio scheda

Torna su 

A - Endoprocedimento

Codice IS 11.1
Nome IG-SAN Notifica sanitaria (igiene alimenti) - Regolamento (CE) 852/2004 per attivita' con locali
Ambito IGIENICO SANITARI

Torna su 

B - Interessati

Chi è interessato

L’operatore del settore alimentare che intende iniziare, cessare, effettuare la variazione dei dati identificativi e ogni modifica o integrazione significativa della tipologia di attività  per i seguenti settori produttivi:
a) la produzione primaria in generale (fatto salvo quanto specificato all’art. 5, comma 2 del Reg. (CE) 852/2004);
b) la produzione e/o la vendita all'ingrosso e/o al dettaglio di alimenti in sede fissa e/o su aree pubbliche;
c) il trasporto conto terzi e/o il magazzinaggio;
d) l’attività di preparazione ai fini della somministrazione e/o la somministrazione di alimenti (compresi gli agriturismi);
e) l’attività di affittacamere e bed & breakfast con somministrazione di alimenti, anche in forma non professionale.
f) la preparazione e/o la somministrazione di alimenti in occasione di manifestazioni temporanee (sagre, fiere, feste popolari, manifestazioni politiche, ecc.).

L’operatore del settore alimentare ha l’obbligo di notificare tutti gli stabilimenti del settore alimentare (dove per stabilimento si intende ogni singola unità dell’impresa alimentare), che eseguono una qualsiasi delle fasi di produzione, trasformazione, trasporto, magazzinaggio, somministrazione e vendita.

RIFERIMENTI NORMATIVI

Norme UE/nazionali
Reg. (CE) 852/04
Reg. (CE) 853/04
Accordo Stato Regioni n. 59/CSR del 29/04/2010
Accordo Stato Regioni n. 46/CU del 4 maggio 2017
Accordo Stato Regioni n.  77/CU del 6 luglio 2017Decreto del Presidente della Repubblica 26 marzo 1980, n. 327

Norme regionali
DGR n. 28-5718 del 02.10.2017 in applicazione art. 6 Reg. (CE) 852/2004
Regolamento 2/R approvato con D.G.R. n° 2-8302 del 03 marzo 2008
D.G.R. n. 11-1664  del 7 marzo 2011 - Approvazione linee guida per la trasformazione e la vendita dei prodotti alimentari e per la preparazione e somministrazione di alimenti e bevande da parte delle aziende agricole.
D.G.R. n. 25-12456 del 10 aprile 2004 - “Indicazioni operative per il commercio di alimenti su aree pubbliche”
Decreto del Presidente della Giunta Regionale 11 marzo 2011, n. 1/R - Requisiti delle strutture recettive alpinistiche
D.G.R. 12 Dicembre 2011, n. 13-3093 - Approvazione dei "Requisiti per la commercializzazione di carni di selvaggina selvatica
DGR n. 2-3258  del 10.1.2012 - Potabilità delle acque
Determinazione Dirigenziale (D.D). n. 1121 del 31/12/2013 “Disciplina dei complessi recettivi extra alberghieri per la preparazione di alimenti e bevande”;
la D.G.R. 13 febbraio 2017, n. 21-4661 - “Linee guida in materia di igiene dei prodotti della pesca”;
DD n. 362 del 31.05.2017 - Vendita funghi freschi epigei spontanei

Torna su 

C - Requisiti e caratteristiche

Che caratteristiche o requisiti deve avere il fabbricato o l'impianto

- Requisiti generali in materia d’igiene previsti dall’Allegato II del Regolamento (CE) n. 852/2004; inoltre, per i prodotti di origine animale, ogni requisito specifico previsto dal Regolamento (CE) n. 853/2004.
- Decreto del Presidente della Repubblica 26 marzo 1980, n. 327 - Regolamento di esecuzione della legge 30 aprile 1962, n. 283, e successive modificazioni, in materia di disciplina igienica della produzione e della vendita delle sostanze alimentari e delle bevande
- Regolamento 2/R approvato con D.G.R. n° 2-8302 del 03 marzo 2008 "Nuove norme per la disciplina della preparazione e somministrazione di alimenti e bevande, relativamente all'attivita' di bar, piccola ristorazione e ristorazione tradizionale.

Sono fatte salve le conformità alle norme di settore, ai requisiti ambientali e di tutela del suolo, ai regolamenti edilizi ed urbanistici comunali, ai requisiti di agibilità e di destinazione d'uso, ecc…

Torna su 

D - Cosa si deve fare

Cosa serve: Segnalazione certificata inizio attività

Torna su 

E - Normativa Applicabile

Norme nazionali Norme regionali Norme locali

Torna su 

F - Presentazione della pratica

Cosa si deve fare per presentare la pratica

Quando si può iniziare l'intervento: Dopo aver notificato la propria esistenza, tramite il SUAP, all’ASL territorialmente competente
Tempi previsti per la conclusione dell'endoprocedimento: All’atto del ricevimento della documentazione relativa alla SCIA, ove non ricorrano motivi ostativi. Nei 30 giorni successivi potranno essere richiesti eventuali informazioni tecniche aggiuntive, chiarimenti o integrazioni di documentazione.
A chi si presenta la domanda: Allo Sportello Unico Attività Produttive di Pinerolo
Note sulla documentazione:

Torna su 

G - Pagamenti

Quanto e come si deve pagare per gli esercizi delle attività

Marche da bollo: 0
Importo Marche da bollo: 0
Diritti di istruttoria Ente Terzo: Vedi allegato C alla DGR n. 28-5718 del 02.10.2017
Importo diritti di istruttoria Ente Terzo:
Indicazioni relative alle modalita' di pagamento dei diritti sanitari per le pratiche di registrazione o riconoscimento (selezione di pagine web di riferimento delle ASL della Regione Piemonte)
http://www.regione.piemonte.it/sanita/cms2/documentazione/category/151-2014?download=3874:indicazioni-relative-alle-modalita-di-pagamento-dei-diritti-sanitari-per-le-pratiche-di-registrazione-o-riconoscimento-selezione-di-pagine-web-di-riferimento-delle-asl-della-regione-piemonte
Contributi/Oneri:
Importo Contributi/Oneri:
Diritti di segreteria:
Importo Diritti di segreteria:
Diritti di istruttoria SUAP:
Importo Diritti di istruttoria SUAP:
Note sul pagamento:

Torna su 

H - Flusso

Flusso dell'endoprocedimento Indicazioni Operative - All.B della DGR n. 28-5718 del 02.10.2017 - http://www.regione.piemonte.it/sanita/cms/alimenti/notifica-imprese-alimentari.html

Subprocedimento Ente

Torna su 

I - Allegati

Elenco allegati da produrre e relativa spiegazione

Tipologia Spiegazioni Allegato Obbl. Azioni
Notifica inizio attività NOTIFICA AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (ART. 6, REG. CE N. 852/2004 (ALL. A D.G.R 2/10/2017 n. 28-5178)) DGR 28-5718 ALL A BURP 02-10-17.odt SI Scarica allegato
Ricevuta del versamento intestato alla ASL Copia della ricevuta del versamento intestato alla ASL Allegato C Tariffario.pdf SI Scarica allegato
Documento riconoscimento del Titolare Copia documento di riconoscimento in corso di validità del Titolare NO
Funghi_epigei Segnalazione di inizio attività di commercializzazione dei funghi freschi spontanei epigei (ALL. 6) DD 362 del 31-05-2017 commercializzazione funghi ALL A all 6 MOD.odt NO Scarica allegato
Documento riconoscimento Copia documento di riconoscimento in corso di validità di: - Delegante e Delegato (obbligatorio nel caso di presentazione da parte di un Delegato) - Tutti i Soci amministratori (obbligatorio nel caso di società) - Titolare/i (obbligatorio nel caso in cui non coincida con il Delegante) NO
Procura speciale Procura speciale con firma autografa o digitale del Delegante (obbligatorio nel caso di presentazione da parte di un Delegato) NO

Torna su 

L - Adempimenti successivi

Regionali

Aggiornamenti relativi all’attività in essere

Locali

Torna su 

M - Scadenze e rinnovi

Quando scade l'endoprocedimento relativo all'esercizio di attività

Data di scadenza La notifica non ha scadenza ma è valida subordinatamente al rispetto degli obblighi previsti dalla normativa vigente. In caso di inottemperanza l'autorità competente alla vigilanza (ASL territorialmente competente) adotterà gli opportuni provvedimenti.
Modalità di rinnovo n.a.
Ente competente n.a.

Torna su 

N - Note

INFORMATIVA GENERALE

L’OSA é tenuto a comunicare, con la stessa procedura,la variazione di titolarità (subingresso) o di tipologia di attività, la cessazione o la sospensione temporanea dell’attività.

INFORMATIVA LOCALE

Note: