Dettaglio scheda

Torna su 

A - Attività

Codice 77.11
Nome Taxi
Tipologia intervento Avvio/Apertura

Torna su 

B - Descrizione

Descrizione Regionale

Rilascio autorizzazione di noleggio con conducente di veicolo per trasporti specifici o per uso speciale. Il servizio di noleggio con conducente di veicolo per trasporti specifici, destinato al trasporto di determinate persone e caratterizzato dall’essere permanentemente munito di speciali attrezzature relative allo scopo, è compiuto su richiesta e dietro corrispettivo, per funzioni di trasporto di persone diversamente abili, in modo non continuativo né periodico, su itinerari e secondo orari stabiliti di volta in volta dai richiedenti. Il servizio di noleggio con conducente di veicolo ad uso speciale, caratterizzato dall’essere permanentemente munito di speciali attrezzature, è compiuto su richiesta e dietro corrispettivo, per funzioni di trasporto di persone inferme o infortunate, in modo non continuativo né periodico, su itinerari e secondo orari stabiliti di volta in volta dai richiedenti. Sono esclusi i servizi di autoambulanza effettuati con veicoli appartenenti ad unità sanitarie locali, ospedali, cliniche, case di cura e associazioni di assistenza e volontariato, che per loro necessità e, come tali, non sono soggette ad alcuna autorizzazione di noleggio.

Altri elementi informativi specifici relativi all'attività

L'autorizzazione all'avvio è rilasciata in presenza dei medesimi presupposti previsti dalla Legge 15 gennaio 1992, n. 21, per il servizio di noleggio con autovettura

Descrizione Locale

Consente di presentare una pratica di avvio di Noleggio con conducente

Altre informazioni locali


Torna su 

C - Requisiti

Requisiti Oggettivi

  • idoneità psicofisica;
  • idoneità morale;
  • idoneità professionale;
  • disponibilità di idoneo veicolo;
  • disponibilità di adeguate autorimesse nel territorio comunale,
Se il veicolo è immatricolato ad uso autoambulanza (D.M. 17 dicembre 1987, n. 553):
  • autorizzazione all’esercizio dell’attività per trasporto infermi a mezzo autoambulanza rilasciata dalla Regione Piemonte

Normativa Requisiti Oggettivi

Legge 15 gennaio 1992, n. 21


Regolamento noleggio da rimessa


L.R. 29 ottobre 1992 n. 42 “Nuove disposizioni in materia di trasporto pubblico a mezzo di autoambulanza


D.M.I.T. 1 settembre 2009 n. 137 “Disposizioni in materia di immatricolazione ad uso autoambulanze”


Requisiti Soggettivi Morali

Costituisce motivo di impedimento al rilascio della licenza comunale per il servizio con autoveicoli da noleggio con conducente ad uso  autoambulanza:
  1. l'aver esercitato in modo continuativo e sistematico l'attività di noleggio autoveicoli con conducente senza i presupposti e le condizioni soggettive e oggettive previste dalla legge;
  2. l'essere incorsi in condanne, con sentenze passate in giudicato, per delitti non colposi, a pene restrittive della libertà personale;
  3. l'essere incorsi in provvedimenti di revoca o decadenza di precedente autorizzazione di esercizio sia da parte del Comune al quale la domanda è stata presentata, sia da parte di altri Comuni.

Il requisito dell'idoneità morale continua a non essere soddisfatto fintantoché non sia  intervenuta la riabilitazione.

Normativa Requisiti Soggettivi Morali

D.M.I.T. 1 settembre 2009 n. 137 “Disposizioni in materia di immatricolazione ad uso autoambulanze”


L.R. 29 ottobre 1992 n. 42 “Nuove disposizioni in materia di trasporto pubblico a mezzo di autoambulanza”


Legge 15 gennaio 1992, n. 21


Regolamento noleggio da rimessa


Requisiti Soggettivi Professionali

  1. patente di guida
  2. possesso del certificato di abilitazione professionale (C.A.P.), oppure carta di qualificazione del conducente professionale (C.Q.C.)
  3. iscrizione nel ruolo provinciale dei conducenti dei servizi pubblici non di linea presso la C.C.I.A.A.;

Normativa Requisiti Soggettivi Professionali

Legge 15 gennaio 1992, n. 21


Regolamento noleggio da rimessa


L.R. 29 ottobre 1992 n. 42 “Nuove disposizioni in materia di trasporto pubblico a mezzo di autoambulanza”


D.M.I.T. 1 settembre 2009 n. 137 “Disposizioni in materia di immatricolazione ad uso autoambulanze”


Requisiti per i Cittadini Extracomunitari

I cittadini extracomunitari devono essere in possesso di un permesso di soggiorno, in corso di validità, che consenta l’esercizio di lavoro autonomo in Italia, secondo le vigenti normative. Per maggiori informazioni in materia si rimanda alla consultazione dei seguenti siti web:


(link alla Prefettura di Torino - per reperire qualsiasi tipo di informazione in materia di immigrazione)

(link alla C.C.I.A.A. di Torino - la Guida intende porre l’attenzione sui principali aspetti concernenti gli adempimenti incombenti in capo alla Camera di commercio in relazione ai soggetti extracomunitari che intendono svolgere attività di lavoro autonomo ed imprenditoriale in Italia. Trattasi di soggetti originari di Paesi non appartenenti all’UNIONE EUROPEA che vogliono ottenere il permesso di soggiorno per lavorare in Italia ovvero che sono già residenti in Italia, ma desiderano convertire il permesso di soggiorno già ottenuto.)

Normativa Requisiti per i Cittadini Extracomunitari

Decreto Legislativo 25 luglio 1998, n. 286 “Testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell’immigrazione e norme sulla condizione dello straniero"


Altri requisiti


Normativa altri Requisiti

ATTENZIONE
PRIMA DI ESAMINARE IL QUADRO DEGLI ADEMPIMENTI EVENTUALMENTE PREVISTI PER L'ESERCIZIO DELL'ATTIVITA' INDIVIDUATA NEL QUADRO A E' NECESSARIO VERIFICARE CHE SIANO STATI SVOLTI TUTTI GLI ADEMPIMENTI PREVISTI DALLA NORMATIVA PER REALIZZARE/MODIFICARE I FABBRICATI E GLI IMPIANTI CHE VERRANNO UTILIZZATI PER LO SVOLGIMENTO DELL'ATTIVITA'. IN VIA GENERALE PER LA REALIZZAZIONE/MODIFICA DEI FABBRICATI E DEGLI IMPIANTI RELATIVI ALL'ATTIVITA' INDIVIDUATA NEL QUADRO A E' NECESSARIA L'ATTIVAZIONE DEI SEGUENTI ENDOPROCEDIMENTI PRIMA DI QUELLI RELATIVI ALL'ESERCIZIO DELL'ATTIVITA':

Torna su 

D - Procedimenti

Endoprocedimenti relativi alla verifica dei requisiti previsti per i fabbricati e gli impianti

NOTA BENE. GLI ENDOPROCEDIMENTI QUI INDICATI DEVONO ESSERE ATTIVATI ANCHE QUANDO NON E' RICHIESTA NESSUNA DOMANDA/DICHIARAZIONE/NOTIFICA PER L'ESERCIZIO DELL'ATTIVITA'.

ADEMPIMENTI DA EFFETTUARE PRIMA DELL'INIZIO DELL'INTERVENTO SUL FABBRICATO E/O SUGLI IMPIANTI

Adempimento Codice Nome endoprocedimento Obbl. Azioni

ADEMPIMENTI DA EFFETTUARE DOPO LA CONCLUSIONE DELL'INTERVENTO SUL FABBRICATO E/O SUGLI IMPIANTI

Adempimento Codice Nome endoprocedimento Obbl. Azioni
1 VARIE CPM 1 Verifica conformita' alle disposizioni regolamentari SI Visualizza endoprocedimento

D1

NORMATIVA APPLICABILE AGLI ENDOPROCEDIMENTI INDICATI NEI QUADRI D

Adempimento Norme nazionali Norme regionali Regolamenti comunali

Torna su 

E - Esercizio delle attività

COSA SERVE PER INIZIARE L'ESERCIZIO DELL'ATTIVITA' (QUANDO SIANO GIA' STATI REALIZZATI/MODIFICATI I FABBRICATI E GLI IMPIANTI)


Cosa serve per iniziare l'esercizio dell'attività: Domanda

E1 - Normativa applicabile

Norme nazionali Norme regionali Regolamenti comunali

Cosa si deve fare per presentare la pratica

A chi si presenta la pratica: Allo Sportello Unico Attività Produttive della Città di Torino
Quando si può iniziare l'attività: A seguito del rilascio dell'autorizzazione
Precisare se sono necessarie altre comunicazioni prima di cominciare: E' obbligatorio recarsi al Dipartimento Trasporti Terrestri - Motorizzazione Civile di Torino (http://www.motorizzazionetorino.it/) per la "Visita e prova (collaudo) per destinazione uso noleggio con conducente" e presso il Nucleo Taxi del Corpo di polizia Municipale per la verifica conformità delle disposizione regolamentari. La verifica di conformità alle disposizione regolamentari potrà essere effettuata dal titolare della licenza munito di tutta la documentazione necessaria, compreso il foglio di via rilasciato dalla Motorizzazione Civile, recandosi al Corpo di Polizia Municipale – Ufficio Sequestri e Rimozioni, Via Druento 355 unicamente nei seguenti giorni e orari: lunedì e venerdì dalle ore 9.00 alle ore 13.00, martedì, mercoledì e giovedì dalle ore 12.00 alle ore 14.00.
Tempi previsti per la conclusione del procedimento: 60 giorni
Note sulla documentazione:

DOMANDA/SEGNALAZIONE DI INIZIO ATTIVITA'

Tipologia Modello Domanda/SCIA Scarica Modello
Domanda di rilascio di autorizzazione per il servizio di noleggio con conducente con veicolo per trasporti specifici o per uso speciale - Procedimento ordinario Mod UA-11 avvioNCC.pdf Scarica allegato


Elenco allegati da produrre e relativa spiegazione

Tipologia Spiegazioni Allegato Obblig. Scarica Modello
Autocertificazione Requisiti Autocertificazione Requisiti Morali e Professionali All UA-13 Autocert_AvvioNCC_V3.pdf SI Scarica allegato
Procura speciale Procura speciale con firma autografa o digitale del Delegante (obbligatorio nel caso di presentazione da parte di un Delegato) ProcuraSpec.pdf NO Scarica allegato
Permesso di soggiorno Copia del permesso di soggiorno (obbligatorio nel caso l'esercizio dell'attività venga svolto da cittadini extracomunitari) NO
Documento di riconoscimento Copia documento di riconoscimento in corso di validità di: - Delegante e Delegato (obbligatorio nel caso di presentazione da parte di un Delegato e per coloro che non firmano digitalmente) NO
Copia versamento diritti Copia dell'avvenuto versamento dei diritti di istruttoria SI
Idoneità psicofisica Copia del certificato di idoneità psicofisica del richiedente SI
Autorizzazione a trasporto infermi con autoambulanza Copia dell'autorizzazione all'esercizio dell'attività per trasporto infermi a mezzo autoambulanza rilasciata dalla Regione Piemonte SI

Quanto e come si deve pagare per gli esercizi delle attività

Marche da bollo: Una marca da bollo per la domanda unica e una marca da bollo per il provvedimento finale (art. 1, commi 591, 592, 593, 594, legge 27 dicembre 2013, n. 302). In SUAPPiemonte, in fase di presentazione della domanda, è richiesto di inserire il numero del codice a barre presente sulla marca da bollo. Il sistema controlla l'univocità del numero. In fase di rilascio del provvedimento finale è richiesto al richiedente di fornire la scansione della seconda marca da bollo, firmata digitalmente. Il Suap effettua la verifica nuovamente dell'univocità del numero della seconda marca da bollo. Per quanto riguarda i procedimenti che coinvolgono le Amministrazioni competenti al rilascio di pareri, autorizzazioni, nulla osta finalizzati al riscontro dell'istanza, essendo anche secondo l'Agenzia delle Entrate atti istruttori, non avendo rilevanza esterna ma confluendo nel provvedimento finale emesso dal Suap, devono essere esenti dall'imposta di bollo. In alternativa all’acquisto della marca da bollo è possibile versare l’importo relativo sia utilizzando il modulo F23 dell’Agenzia delle Entrate - scaricabile dal link www.agenziaentrate.gov.it/wps/content/Nsilib/Nsi/Home/CosaDeviFare/Versare/F23/Modello+F23/ sia presso gli sportelli delle banche, di Poste Italiane S.p.A. oppure degli agenti della riscossione (Codice tributo: 456T), allegando la scansione della ricevuta di pagamento all’istanza al momento della presentazione.
Importo Marche da bollo:
Contributi/Oneri:
Importo Contributi/Oneri:
Diritti di segreteria:
Importo Diritti di segreteria:
Diritti di istruttoria SUAP: Versamento sul c/c postale n. 68700137 Codice IBAN: IT72E0760101000000068700137 intestato a: COMUNE DI TORINO - SERVIZIO ATTIVITA’ ECONOMICHE E DI SERVIZIO - VIA MEUCCI 4 - 10121 TORINO causale: Diritti di istruttoria e ricerca.
Importo Diritti di istruttoria SUAP: L'importo è pari a 50,00 euro
Note sul pagamento:

Torna su 

F - Adempimenti successivi

Regionali

Locali

Torna su 

G - Scadenze e rinnovi

Quando scade l'endoprocedimento relativo all'esercizio di attività

Data di scadenza
Modalità di rinnovo
Ente competente

Torna su 

H - Note

INFORMATIVA GENERALE

INFORMATIVA LOCALE