In questa pagina:

PiemontePAY

Accordo di adesione al sistema tecnico organizzativo PiemontePAY

L’Accordo è il primo passo, operativo e amministrativo, per salire a bordo di PiemontePAY e attivare i pagamenti elettronici all’interno dell’Ente.

Chi può sottoscrivere l’accordo

Qualsiasi Ente che abbia scelto Regione Piemonte come Intermediario Tecnologico.
Approfondimenti relativi a adesione e scelta dell’intermediario tecnologico sono disponibili nell’apposita sezione di AgID, Guida per l’adesione delle PA

Come sottoscrivere l’accordo

La sottoscrizione dell’Accordo è molto semplice:

  • effettuare il download del file “Accordo PPAY” in formato pdf.p7m, firmato digitalmente dalla Regione Piemonte, e salvare il file “Accordo PPAY” sul vostro PC;
  • utilizzare il tasto destro del mouse per rinominare il file, inserendo il nome dell’Ente firmatario (il file “Accordo PPAY” diventa “ComuneXYAccordoPPAY”), prima di procedere con l’apposizione della seconda firma digitale;
  • approvare con proprio atto amministrativo il testo dell’Accordo e la tabella di determinazione dei contributi annui a carico degli Enti aderenti, individuando nell’atto il nominativo della persona delegata a firmare digitalmente l’Accordo (ad es Segretario dell’Ente);
  • firmare digitalmente, in modalità CadES, il file “ComuneXYAccordoPPAY” in modo da ottenere il file firmato digitalmente sia dalla Regione Piemonte sia dall’Ente aderente;
  • verificare la presenza delle due firme digitali e trasmettere alla Regione Piemonte il file “Comune…...pdf.p7m” con in allegato l’atto amministrativo, indicando nell’oggetto “Accordo PPAY”:

Documenti scaricabili

Check List

Quanto dura l’accordo

L’Accordo è valido dal 1 gennaio 2019 al 31 dicembre 2021.

Costi

La sottoscrizione dell’Accordo è gratuita. Con l’Accordo però ciascun Ente si impegna a contribuire al mantenimento della piattaforma che la Regione Piemonte ha realizzato, secondo una logica di compartecipazione pubblica a sostegno di un asset informatico.
La Regione Piemonte ha quantificato la ripartizione della contribuzione annua per gli Enti Aderenti, con determinazione n. 313 del 27 dicembre 2018 del Settore Servizi digitali per cittadini e imprese.
La ripartizione prevede differenti fasce di numero di transazioni a cui corrisponde un contributo forfettario, e si basa su una stima dei volumi di transazioni elettroniche per pagamenti spettanti a vario titolo e realmente effettuati, attesi a regime dall’Ente per il 2020.

Prezzario

  • Per il 2019 i costi dell’Ente sono totalmente a carico di Regione Piemonte
  • Per il 2020 Regione Piemonte sostiene i costi del servizio del Contact Center verso i cittadini, mentre è richiesto agli Enti un contributo, calcolato sulle transazioni effettuate nell’anno precedente, e diviso per 5 fasce di transazione. Per gli Enti con un volume di transazioni annuo superiore alle 35.000 unità saranno effettuate valutazioni economiche ad hoc, che terranno conto di parametri articolati, senza superare il costo unitario stimato per la singola transizione.
  • Per il 2021 è richiesto agli Enti un contributo completo per il sostegno del sistema a regime.

Il valore unitario del costo medio del servizio di piattaforma è quantificato in € 0,60 a transazione per il 2020 e a € 0,49 a transazione per il 2021, a cui si somma il costo del servizio di Contact Center verso i cittadini pari a 0,21 euro a transazione.

Riferimenti normativi

  • Determina dirigenziale A1009C del 27 dicembre 2018, n.313
    “Sistema PiemontePAY per l’esecuzione dei pagamenti telematici. Determinazione dei contributi annui a carico degli Enti Aderenti per il mantenimento del sistema PiemontePAY in esercizio, in logica di compartecipazione pubblica a sostegno di un asset informatico”